Multa autovelox: dopo quanto arriva

Secondo l’art. 201 del Codice della strada il verbale deve essere notifica al trasgressore entro 90 giorni dall’accertamento, proprio questa definizione ha creato molte incertezze.

Molte amministrazioni hanno sfruttato la poca chiarezza della norma in interpretando il termine “accertamento” a proprio vantaggio, facendo decorrere il termine da un momento diverso rispetto alla data dell’infrazione.

In particolare tali amministrazioni fanno decorrere il termine per la notifica non dal momento dell’infrazione, ma dalla data in cui vengono visualizzati i fotogrammi dagli agenti, in questo modo le multe con autovelox vengono notificate oltre il termine di 90 giorni fissato dalla legge.

Sul punto è intervenuto il Ministero dell’Interno con la nota n. 16968 del 7 novembre 2014, con la quale ha chiarito che in linea di principio e salva la necessità di acquisire informazioni indispensabili da altri organismi “il termine per la notifica della multa decorre dal giorno della violazione”.

Nella stessa nota il Ministero ha precisato che la prassi adottata dalle amministrazioni per giustificare la notifica delle multe con autovelox oltre il termine di 90 giorni non può considerarsi valida, poiché fa dipendere la decorrenze del termine per la notifica della multa da prassi organizzative interne – potenzialmente diverse per ogni ufficio – e non da fattori esterni come previsto dall’art. 201 del Codice della Strada, secondo cui:

Qualora l’effettivo trasgressore od altro dei soggetti obbligati sia identificato successivamente alla commissione della violazione la notificazione può essere effettuata agli stessi entro 90 giorni dalla data in cui risultino dai pubblici registri o nell’archivio nazionale dei veicoli l’intestazione del veicolo e le altre indicazioni identificative degli interessati o comunque dalla data in cui la pubblica amministrazione è posta in grado di provvedere alla loro identificazione

Pertanto la multa con autovelox (tutor o telelaser) può essere notificata oltre 90 giorni dopo l’infrazione solo in caso di difficoltà nell’identificazione del conducente.

La terza sezione del TAR della Lombardia con la Sentenza n. 1267 del 2017 ha confermato l’interpretazione fornita dal Ministero dell’ Interno, nello specifico il giudice amministrativo ha precisato che:

Il verbale della polizia municipale deve indicare o che il termine di notifica del verbale decorre dall’accertamento, come indicato dalla legge, oppure che i termini decorrono dalla commessa violazione, salva la necessità di acquisire informazioni indispensabili da altri organismi

Nulla la multa con autovelox notificata 90 giorni dopo l’infrazione

La  Corte di Cassazione con la sentenza n. 7066 pubblicata in data 21 marzo 2018 ha definitivamente chiarito che in caso di violazione accertata con autovelox la notifica del verbale deve avvenire entro 90 giorni dalla data dell’infrazione e non dalla data di effettivo accertamento dell’infrazione (cioè dal momento della materiale visione del fotogramma scattato dall’autovelox da parte dell’agente accertatore).

Nel caso affrontato dalla Cassazione la notifica era avvenuta ad oltre 180 giorni dalla rilevazione effettuata dall’autovelox, quindi ben oltre il termine di 90 giorni dall’infrazione.

Nella stessa decisione la Corte ha precisato che, in determinati casi, il verbale può essere notificato oltre il termine di 90 giorni dall’infrazione, nello specifico quando:

Non sia individuabile il luogo dove la notifica deve essere eseguita per mancanza dei relativi dati nel Pubblico registro automobilistico o nell’Archivio nazionale dei veicoli o negli atti dello stato civile.

Tale ipotesi residuale, che consente la decorrenza del termine dal momento in cui l’Amministrazione è posta in condizione di identificare il trasgressore o il suo luogo di residenza secondo la Corte può essere invocata dall’amministrazione solo

In presenza di situazioni di difficoltà di accertamento addebitabili al trasgressore (tardiva trascrizione del trasferimento della proprietà del veicolo, omissione di comunicazione del mutamento di residenza), ma non quando la difficoltà sia connessa all’attività dell’Amministrazione

Va sottolineato che una diversa interpretazione della norma (che è stata avanzata da diverse amministrazioni comunali) finirebbe con l’attribuire all’accertatore il potere di far decorrere, a proprio piacimento, il termine di 90 giorni per la notifica della multa con autovelox, compromettendo il diritto di difesa del cittadino multato.

Come capire se la multa con autovelox è stata notificata 90 giorni dopo l’infrazione

Secondo la Corte di Cassazione il termine di notifica della multa è rispettato se l’organo accertatore ha affidato entro i 90 giorni dall’accertamento dell’infrazione il plico al servizio postale.

Quindi la data a cui fare riferimento non è quella di ricevimento, ma quella di spedizione del verbale.

Questo giorno è generalmente indicato nel verbale, in mancanza di questa indicazione la data può essere ricavata verificando i timbri presenti sulla busta contenente l’atto, oppure effettuando una verifica tramite il servizio ricerca spedizione di poste italiane.

Chiaramente, i termini per la proposizione del ricorso decorrono dal momento in cui si realizza la conoscibilità’ dell’atto, ovvero dal momento in cui si riceve materialmente l’atto o, comunque, al momento del ricevimento dell’avviso di deposito.

Tempi per la notifica della multa con auto aziendale o a noleggio

In caso di infrazione commessa con auto a noleggio per la notifica della multa non opera il termine ordinario di 90 giorni, ma un termine più lungo necessario per il compimento di una serie di passaggi necessari per la notifica del verbale.

In questi casi il verbale entro 90 giorni deve essere notificato all’azienda di noleggio (proprietaria del veicolo), la quale deve comunicare obbligatoriamente all’autorità che ha rilevato la violazione i dati dell’effettivo utilizzatore del veicolo.

Dalla ricezione di questa comunicazione (che la società di noleggio è obbligata a fare) l’organo che ha accertato l’infrazione ha 90 giorni per rinnovare la notifica all’effettivo conducente del veicolo al momento dell’infrazione.

Quindi il termine entro il quale deve essere effettuata la notifica della multa con autovelox, in caso di auto a noleggio, non è quello ordinario di 90 giorni.

In conclusione

In questo articolo abbiamo chiarito che la multa con autovelox notificata oltre 90 giorni dopo l’infrazione è illegittima e come calcolare correttamente i tempi di notifica della multa con autovelox.

In particolare abbiamo chiarito che:

La multa con autovelox deve essere notificata entro 90 giorni dalla data della violazione

Le amministrazioni posso far decorrere il termine per la notifica della multa da una data successiva a quella dell’infrazione solo se è necessario acquisire informazioni da altri organismi

Il termine di 90 giorni per la notifica della multa con autovelox deve essere calcolato con riferimento alla data in cui il verbale è stato affidato per la consegna e non dal giorno della materiale ricezione dell’atto

Il termine per la notifica della multa con autovelox non è quello ordinario di 90 giorni se l’infrazione è stata commessa con un auto a noleggio

Se hai già ricevuto una multa elevata con autovelox che sulla base si quanto di abbiamo svelato in questo articolo è stata notificata oltre i termini  non esitare a presentare ricorso utilizzando il nostro modulo che puoi acquistare cliccando sull’immagine che trovi qui sotto, oppure clicca sul tasto “Voglio acquistare il ricorso” ed i nostri esperti si occuperanno della redazione di un ricorso personalizzato per il tuo caso.

Tuttavia anche se il verbale è stato notificato nei termini di legge, questo potrebbe presentare altri vizi sui quali fondare il ricorso, pertanto se vuoi far osservare il verbale ad occhi esperti che visionano ogni giorno decine di verbali clicca sul tasto “Si, voglio la consulenza” e fai analizzare il verbale da uno dei nostri specialisti.