Premesso che parcheggiare sul marciapiede andrebbe evitato per rispetto dei pedoni che hanno bisogno del passaggio libero, basta pensare al disagio che si può arrecare ai disabili che fanno uso di carrozzelle o alle mamme con i passeggini.

Detto questo va rilevato che in alcuni casi la multa per sosta sul marciapiede può essere contestata

Cosa si intende per marciapiede

L’art. 3, comma 33, del codice della strada definisce il marciapiede come:

Parte della strada, esterna alla carreggiata, rialzata o altrimenti delimitata e protetta, destinata ai pedoni”

Generalmente il marciapiede è rialzato rispetto al piano delle strada, allo scopo di impedire in modo più efficace l’invasione da parte dei veicoli. Tuttavia, esso può essere anche “a raso” e delimitato in altro modo, ad esempio con strisce o paletti.

Lo stesso articolo 3, al comma 36, precisa che deve considerarsi marciapiede la parte “della strada separata dalla carreggiata, mediante una striscia bianca continua o una apposita protezione parallela ad essa e destinata al transito dei pedoni”.

Il divieto di sosta e fermata sul marciapiede

L’art. 158 del codice della strada al comma 1 espressamente prevede che:

“La fermata e la sosta sono vietate: sui marciapiedi, salvo diversa segnalazione”

Quindi la norma vieta sia la sosta che la fermata sul marciapiede. Per sosta deve intendersi l’arresto prolungato nel tempo (che generalmente prevede anche l’allontanamento del proprietario del mezzo). La fermata, invece, consiste in un arresto temporaneo del mezzo, si pensi ad esempio alla fermata per far salire o scendere dei passeggeri dal veicolo.

Tuttavia la norma prevede la possibilità che la segnaletica, orizzontale o verticale, consenta di sostare o parcheggiare su zone destinate ai pedoni

La sanzione prevista per il parcheggio sul marciapiede

Lo stesso articolo 158 del C.d.S prevede delle sanzioni diverse a seconda del tipo di veicolo con il quale è stata commessa la violazione, nello specifico:

■ Se la violazione è stata commessa con un’automobile, è prevista una multa da un minimo di 84 euro fino ad un massimo di 335 euro

■ Se la violazione è stata commessa con ciclomotore o motoveicolo a due ruote è previsto il pagamento di una somma da euro 40 a euro 163

Va rilevato che per la sosta o fermata sul marciapiede non è prevista la sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente di guida.

Le sanzioni si applicano per ciascun giorno di calendario per il quale si protrae la violazione, pertanto se la sosta si protrae per più giorni la sanzione può essere applicata per ogni giorno di sosta.

Sosta sul marciapiede: quando si può fare ricorso contro la multa

La multa per parcheggio sul marciapiede può essere contestata in diversi casi, tra i quali:

■ Multa per sosta sul marciapiede elevate da un ausiliare del traffico

■ Mancata rimozione del veicolo in sosta sul marciapiede

■ Errata indicazione del veicolo Analizziamo nel dettaglio in quali casi è possibile contestare la multa per sosta o fermata sul marciapiede.

Multa per parcheggio sul marciapiede elevata da un ausiliare del traffico

Generalmente non rientra nella competenza dell’ausiliare del traffico (dipendente della società di gestione dei parcheggio o appartenente al personale ispettivo delle aziende di trasporto) la contestazione delle violazioni per sosta e fermata sul marciapiede.

Esiste un’eccezione a questa regola, infatti, il verbale elevato dall’ausiliare del traffico, appartenente alle categorie indicate, è valido quando il marciapiede è funzionale al posteggio o alla manovra in un’area in concessione, oppure alla circolazione dei mezzi pubblici.

Un discorso diverso va fatto per gli ausiliari del traffico dipendenti comunali (nominati ai sensi del comma 132, dell’art. 17 della Legge 127/97) che sono abilitati alla prevenzione ed all’accertamento delle violazioni esclusivamente in materia di sosta, su tutto il territorio comunale.

Pertanto tali soggetti sono autorizzati ad elevare anche sanzioni per sosta sul marciapiede.

Secondo un orientamento più rigoroso la competenza degli ausiliari del traffico dipendenti comunali riguarda le sole violazioni in materia di sosta e quindi tali soggetti non possono ritenersi autorizzati a contestare le violazioni in materia di fermata.

In conclusione la multa per sosta sul marciapiede se elevata da un ausiliare del traffico non autorizzato può essere contestata.

Mancata rimozione del veicolo in sosta sul marciapiede

Una questione molto dibattuta è quella relativa alla possibilità di contestare il verbale per la sosta sul marciapiede quando alla contestazione della violazione non sia seguita la rimozione del veicolo.

L’art. 159 del codice della strada è molto chiaro sul punto, infatti prevede che:

“Gli organi di polizia, di cui all’art. 12, dispongono la rimozione dei veicoli: nei casi di cui agli articoli 157, comma 4 e 158, commi 1, 2 e 3”

Quindi il legislatore ha voluto sottolineare la necessità di spostare immediatamente il veicolo in sosta sul marciapiede che intralcia il passaggio dei pedoni.

Secondo tale interpretazione in caso di veicolo in sosta sul marciapiede l’agente accertatore deve applicare la sanzione pecuniaria e la rimozione del veicolo, la quale è da intendere obbligatoria e non discrezionale.

Questa interpretazione è stata ribadita più volte dalla giurisprudenza, ad esempio Giudice di Pace di Roma, con la sentenza del 17/05/2003 in tema di art. 159 del C.d.S. ha precisato:

“Detta norma utilizzando il verbo “dispongono” non lascia alcun potere discrezionale all’agente operante allorquando lo stesso rileva la violazione di una delle fattispecie indicate dall’art. 158”

Anche la Corte di Cassazione con la sentenza n. 1272/2008 (con la quale ha ribadito quanto affermato nella sentenza n. 25388/2007) ha sottolineato che:

“Ai sensi del combinato disposto di cui all’art. 158 e di cui al successivo art. 159, comma 1, lett. a), è sempre disposta (quindi obbligatoria senza alcun apprezzamento discrezionale da parte degli organi di polizia stradale) la sanzione amministrativa accessoria della rimozione del veicolo trovato in sosta nelle situazioni specificatamente indicate dai commi 1, 2 e 3 dello stesso art. 158”

Quindi la multa per aver parcheggiato sul marciapiede è invalida quando all’applicazione della sanzione non segue anche la rimozione del veicolo e quando tale mancata rimozione non è motivata nel verbale.

Errata indicazione della targa del veicolo

Può accadere che l’automobilista riceva la notifica di una multa per divieto di sosta in una città o in un luogo in cui non è mai stato, o in cui non poteva trovarsi al momento dell’infrazione.

Si tratta di una situazione molto frequente che può verificarsi per vari motivi ad esempio per un errore di trascrizione al momento della redazione del verbale, oppure la targa potrebbe essere stata clonata o alterata (ad esempio applicando del nastro isolante per modificare le lettere della targa).

In questo caso il verbale è illegittimo ed il proprietario del veicolo può contestare la violazione a patto di poter provare la sua estraneità ai fatti.

Nello specifico la prova deve poter dimostrare non che il proprietario non poteva essere in quel luogo, ma che il veicolo non poteva essere sul luogo dell’infrazione.

In conclusione: in quali casi è possibile contestare la multa per parcheggio sul marciapiede

In questo articolo abbiamo chiarito quali sono le regole e le sanzioni in materia di sosta e fermata sul marciapiede.

Se hai ricevuto un verbale che presenta uno dei vizi indicati non esitare a presentare ricorso contro il verbale, puoi affidarti al nostro servizio professionale di redazione dei ricorsi cliccando sul tasto “Voglio acquistare il ricorso”.

I motivi di ricorso che abbiamo appena illustrato rappresentano solo alcune delle motivazioni grazie alle quali è possibile contestare il verbale per sosta sul marciapiede.

Quindi, anche se il verbale in apparenza sembra regolare, questo potrebbe presentare altri vizi sui quali fondare il ricorso, pertanto se vuoi far osservare il verbale ad occhi allenati ad individuare irregolarità nei verbali clicca sul tasto “Si, voglio la consulenza” e fai analizzare il verbale da uno dei nostri esperti.