Benvenuto! Sono Mauro Leoni, fondatore di Soluzione Multa, e in questo articolo voglio parlarti di una questione che crea sempre molti dubbi negli automobilisti, sto parlando della notifica della multa.

In queste righe ti spiegherò come capire se il verbale viene notificato entro il termine di novanta giorni dall’infrazione.

Il dubbio principale degli automobilisti che ci contattano riguarda il calcolo esatto di questi novanta giorni.

A quale data si deve fare riferimento per capire se il termine di 90 giorni per la notifica della multa è stato rispettato

La Corte di Cassazione ha più volte ribadito che il termine al quale si deve fare riferimento NON È quello in cui il verbale viene materialmente ricevuto dall’automobilista, ma quello in cui il verbale è stato affidato al servizio postale per la consegna.

È importante capire questo punto, dal momento che – come la Corte di Cassazione ha sottolineato in diverse sentenze- non si possono far ricadere sull’amministrazione eventuali ritardi dovuti al servizio di spedizione. Se ciò fosse possibile, l’amministrazione sarebbe tenuta a pagare per la cattiva gestione della corrispondenza da parte del servizio postale.

Pertanto, ripeto, il termine al quale si deve far riferimento è quello in cui il verbale viene affidato alla spedizione.

Come si individua la data in cui il verbale è stato affidato al servizio postale per la consegna

Generalmente, nel verbale viene inserito un ulteriore documento – la cosiddetta relata di notifica – che reca espressamente la data nella quale l’agente ha consegnato il plico al servizio postale per la spedizione.

Tuttavia, c’è un problema: molto spesso la relata di notifica può essere assente.

In questi casi, per verificare la data in cui il verbale è stato affidato per la spedizione, esistono due possibilità:

  1. È possibile analizzare la busta contenente il verbale e verificare attraverso il timbro postale la data in cui il verbale è stato affidato al servizio di spedizione;
  2. In assenza del timbro postale è possibile effettuare una ricerca sul sito delle Poste Italiane attraverso il servizio “cerca spedizione”.

In questo caso basterà inserire il numero riportato sotto il codice a barre presente nella prima pagina del verbale, e si potrà così verificare la data in cui il verbale è stato affidato al servizio postale per la consegna.

Abbiamo chiarito che per il notificante, ovvero l’agente accertatore, la data in cui la notifica si perfezione corrisponde al momento in cui il verbale è stato affidato per la spedizione.

Tuttavia, per il destinatario, gli effetti si producono dal momento della ricezione.

Questo significa che il termine per effettuare il pagamento della sanzione in misura ridotta (quando possibile) inizierà a decorrere dal momento in cui il verbale è stato ricevuto, e dallo stesso momento decorrerà anche il termine per la proposizione dell’eventuale ricorso contro il verbale.

Se hai ancora dei dubbi sul calcolo del termine per la notifica della multa o più in generale vuoi chiedere un’analisi di un verbale che ha ricevuto puoi chiedere un consulenza ad uno dei nostri esperti cliccando sul taso “si, voglio la consulenza” che trovi qui sotto.

Vuoi scoprire come evitare di pagare le multe?

Vuoi scoprire come evitare di pagare le multe?

Iscriviti GRATIS alla newsletter che ti spiega cosa funzione (e cosa evitare) per fare ricorso contro le multe 

Consenso Privacy

Autorizzazione

Grazie per la tua fiducia!Ti abbiamo inviato una email in cui ti verrà chiesto di confermare la tua iscrizione