“Il bollo auto è illegale e non va più pagato” è la notizia che rimbalza sui vari social network in questi giorni.

Precisiamo subito che questa notizia è una bufala, che circola in rete da diversi anni e che spesso finisce per essere diffusa in modo virale sui vari social network creando situazioni molto pericolose.

Il messaggio che circola in rete è stato scritto da un sedicente dipendente di Equitalia il quale sostiene che il bollo auto è illegale aggiungendo che:

Io personalmente non lo pago perché da quando sono venuto a sapere della sua illegalità, grazie al mio giro di conoscenze ,ho smesso di pagarlo e ho denunciato l’accaduto alla Commissione Europea

Secondo questo post – che è riportato nell’immagine – il bollo auto è una tassa prevista solo in Italiail bollo auto è illegale testo

Questa affermazione è totalmente falsa, infatti, un’imposta con caratteristiche simili è presente in altri paesi europei tra cui: Regno Unito, Germani, Danimarca, Portogallo, Spagna e Olanda.

Altra falsità diffusa da questo sedicente dipendente di Equitalia è quella secondo cui questa anomalia del sistema Italiano avrebbe spinto la Commissione Europea a chiedere la rimozione del bollo auto “per allinearsi agli altri paesi”, ma l’Italia ignorerebbe tale richiesta poiché:

Le entrate dei bolli auto sono nettamente superiori alla multa da pagare, ne consegue che l’Italia se ne frega, continua a pagare la multa e riscuotere il bollo

In realtà non esiste nessuna “Megamulta” comminata all’Italia, inoltre il parlamento europeo il 20 marzo 2012 ha risposto ad un’interrogazione in materia di “Tassazione delle autovetture nell’Ue e il bollo auto italiano”( presentata il 13 febbraio 2012) facendo chiarezza una volta per tutte sul punto.

Nella risposta il Parlamento Europeo ha specificato che:

Attualmente la legislazione e l’armonizzazione a livello UE in materia di tassazione delle autovetture sono piuttosto limitate. Di conseguenza, fatto salvo il rispetto dei principi generali del diritto dell’Unione, i regimi fiscali nazionali in questo settore sono a discrezione degli Stati membri. In particolare, gli Stati membri possono decidere se integrare considerazioni di tipo ambientale nella struttura delle aliquote applicate.

L’imposta nazionale cui fa riferimento l’onorevole parlamentare non è oggetto di armonizzazione nell’ambito del diritto dell’UE ed è quindi di competenza delle autorità nazionali. Alla Commissione non risulta che in Italia tale imposta venga applicata in maniera contraria al diritto UE.

Questo significa che i regimi fiscali nazionali in materia di tassazione dei veicoli sono a discrezione degli Stati membri, pertanto l’Italia e qualsiasi altro Stato membro dell’Unione Europea può applicare una tassa sui veicoli, ma significa anche che il bollo auto è perfettamente legale in Italia.

Speriamo che nessuno dei nostri lettori abbia aderito alla soluzione prevista da questo articolo – bufala, ovvero di non pagare il bollo…anche se le migliaia di condivisioni di questo post ci fanno temere il peggio.

Tuttavia, prima di lasciarti voglio dirti che anche se il bollo auto è perfettamente legale, questo non è sempre da pagare. Infatti molto spesso il pagamento viene richiesto quando il bollo è già prescritto, per saperne ti invito a leggere la nostra guida sulla prescrizione del bollo auto.

Per ogni ulteriore chiarimento sulla tua situazione anche a seguito della scelta di non pagare il bollo dopo aver letto il post che abbiamo commentato, contattaci per una valutazione della tua situazione cliccando sul pulsante “Si voglio la consulenza”.